Intel non supporterà più il Legacy BIOS entro il 2020

0
169

Pubblicità

Intel lascerà il supporto del BIOS come parte del piano per aumentare l’adozione di UEFI

Intel sta pianificando di rimuovere le cosiddette barriere “dell’ultimo miglio” per eliminare il BIOS Legacy, rendendo necessario l’ UEFI Classe 3, che non espone interfacce BIOS Legacy. Il BIOS è il firmware che ha consentito e consente l’avvio di vecchi PC dopo l’accensione e gestisce il “Runtime” (o tempo di avvio) per il sistema operativo e il software.

I computer di oggi sono quasi tutti dotati di UEFI acronimo di “Unified Extensible Firmware Interface”, ma hanno incluso un supporto per il Legacy BIOS per i casi in cui un utente utilizzasse un software che dipenda dal BIOS a 16 bit. Tale funzione può essere abilitata tramite il modulo di supporto compatibilità (CSM).

L’ingegnere del marketing tecnico di Intel, Brian Richardson, ha rivelato in una recente presentazione che la compagnia inserirà nei propri sistemi solo l’UEFI Classe 3 e superiori. Entro il 2020 rimuoverà il supporto al Legacy BIOS dalle piattaforme client e dai datacenter.



Imponendo l’UEFI Classe 3, “interromperà” qualsiasi processo di un client che abbia disativato l’UEFI stesso attraverso CSM.

Tuttavia, come riportato dai siti maggiori siti di settore, Intel non sta rendendo obbligatorio il Secure Boot, quindi gli utenti dovrebbero essere ancora in grado di eseguire distribuzioni Linux non firmate su PC con UEFI. Tuttavia, gli utenti non saranno in grado di aggirare i problemi di compatibilità utilizzando CSM su PC basati su Intel.

Intel non supporterà più il Legacy BIOS entro il 2020

Richardson osserva che Intel vuole “eliminare componenti che non supportano UEFI” garantendo che driver, periferiche e utility funzionino senza CSM. Intel inoltre collaborerà con i partner del settore per migliorare l’esperienza utente di UEFI Secure Boot, assicurando che convalidino i loro strumenti. In questo modo gli utenti finali non dovranno più abilitare CSM per risolvere i problemi di ripristino.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here