GTA San Andreas: il capitolo più bello della serie di Rockstar North

0
1504

GTA San Andreas: sai perchè è il capitolo più bello della serie?

GTA San Andreas. Quanti ricordi porterà anche solo il pensiero di questo titolo nella mente dei videogiocatori? Il titolo di Rockstar North che alla sua uscita fece record su record di incassi, non tanto per la portata del nome GTA (Grand Theft Auto), da sempre autore di giochi estremamente divertenti e longevi, quanto per il fatto che la software house, in questo episodio, buttò nel calderone davvero di tutto, creando un action open world che a tratti pareva più un gioco di ruolo che altro. E non per niente questo capitolo è ricordato dai più come il miglior GTA mai esistito.

GTA San Andreas: il capitolo più bello della serie di Rockstar North

Ma di che gioco stiamo parlando? GTA San Andreas è un gioco action in terza persona open world. Ambientato nel ’92 in una fittizia località chiamata, appunto, San Andreas, il titolo racconta la storia di Carl Johnson (CJ), tornato in città per onorare la madre morta di recente, ma che viene in breve tempo coinvolto in una serie di eventi criminali legati sia ai restanti membri della sua famiglia, a capo di una gang di strada chiamata Orange Grove Street Families (abbreviata in Grove), sia al fatto di essere stato incastrato da tre poliziotti per l’uccisione di un agente (e questi poliziotti utilizzeranno CJ per i loro scopi sottobanco).

La trama è molto più complicata di questa semplice anteprima e si dipana in rami anche piuttosto complessi. Il gioco, infatti, è molto longevo e ricco di missioni con decine e decine di personaggi chiave che sveleranno un susseguirsi di eventi in grado di svolgersi in tutto il territorio di San Andreas, ben più ampio di molti altri giochi d’azione in terza persona. Parlando della natura open-world, GTA San Andreas risulta il pupillo della serie: la mappa di gioco è gigantesca e piena di cose da fare, dalle missioni principali a quelle secondarie, passando per oggetti nascosti per tutta la mappa, graffiti da rimuovere, senza dimenticare la possibilità di andare in palestra, metter su muscoli e dimagrire, ballare in discoteca, uscire con le ragazze o passare il tempo con “altre ragazze notturne???, scegliersi il proprio abbigliamento, gareggiare in corse clandestine, conquistare quartieri combattendo contro i clan nemici, fare acrobazie in BMX e molto altro ancora.

GTA San Andreas: scopri tutto su questo gioco!




GTA: San Andreas è tutto questo, ed è a nche l’unico capitolo che si espone così tanto verso questa natura ruolistica. Senza dimenticare il classico “fare fracasso??? gratuito, tipico della serie GTA, magari anche con l’utilizzo di munizioni e armi infinite reperibili tramite trucchi, cosa che almeno una volta in ogni partita è divertente mettersi a fare. Proprio a questo proposito, se volete provare tutti i codici per aumentare il divertimento, vi consigliamo il sito Trucchi GTA San Andreas PS2, dove potete conoscere tutti i cheats e come superare ogni missione.

Insomma, GTA San Andreas è davvero vasto. È un titolo dagli argomenti forti, colmo di violenza e crimine, ma che preso con la leggerezza con cui vanno presi i videogiochi sa divertire per molte ore. Tuttavia queste caratteristiche hanno puntualmente dato il via a polemiche identiche a quelle che hanno accompagnato le precedenti edizioni di Gta.

La psicologa Vera Slepoj ha dichiarato all’agenzia Ansa che “attraverso il gioco si apprendono le regole che ci accompagneranno tutta la vita”, e si è chiesta: “Che modello di riferimento può essere questo, dove l’eroe è un delinquente che bisogna aiutare a fare delle rapine o compiere omicidi?”. Le ha fatto eco don Antonio Mazzi che, accomunando Gta ai reality show, ha parlato di una “società nella quale si inneggia alla scorciatoia per raggiungere un risultato e dove chi si impegna e sacrifica per una vita è poco più che un cretino”.

GTA San Andreas: il capitolo più bello della serie di Rockstar North

Commenti in tutto simili a quelli raccolti dal gioco negli Stati Uniti, dove Gta, in passato, è stato tirato in ballo persino da qualche candidato minore alle presidenziali. “Chi scrive di Gta San Andreas sottolineandone esclusivamente l’aspetto della violenza dimostra una scarsa conoscenza del videogioco e non coglie le caratteristiche peculiari e i molti aspetti che lo identificano. Ciò che deve colpire e affascinare in Gta San Andreas è lo stile, la colonna sonora straordinaria, e la libertà d’azione che ne fanno un vero e proprio capolavoro capace di superare ogni frontiera creativa fino ad ora raggiunta” ha invece risposto, a suo tempo, Pietro Vago, amministratore delegato di Take2 Interactive Italia e produttore del titolo.

Vago sottolineava infatti come Gta San Andreas sia “un videogioco esplicitamente destinato ad un pubblico adulto. Non vedo quindi perché”, aggiunse, “un minorenne e ancora meno un bambino lo possa o debba prendere come modello di riferimento nel momento in cui il suo utilizzo gli deve essere naturalmente vietato. “Gta San Andreas riporta chiaramente la dicitura +18 sul fronte e sul retro della confezione del gioco e in tutta la comunicazione pubblicitaria che lo riguarda”.

Le critiche che hanno accompagnato l’uscita di Gta San Andreas hanno però aiutato a diffondere la notorierà di queto gioco, che in un solo anno (si era nel 2004) ha venduto oltre 30 milioni di esemplari in tutto il mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.