Agevolazioni Prima Casa, Quali Sono e a Chi Spettano

0
6

Nel novero delle leggi riferite all’acquisto della prima casa ci sono alcune che sono mirate a garantire agevolazioni per gli acquirenti, soprattutto alcune fasce di consumatori che possono essere inquadrate nelle cosiddette deboli.

Agevolazioni Prima Casa, Quali Sono e a Chi Spettano

In particolare con il Decreto Sostegni bis che era entrato in Gazzetta Ufficiale nel maggio del 2021, si era andata a prevedere la possibilità di acquistare la prima casa con alcune agevolazioni per i giovani entro i 36 anni.

Più nello specifico, come riporta il sito dell’Agenzia delle Entrate per i giovani con meno di 36 anni, e con un valore dell’Isee non superiore a 40mila euro annui, il Decreto Sostegni bis ha previsto una nuova agevolazione per l’acquisto della prima casa: si tratta dell’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale.

Ciò in considerazione del fatto che, quando si acquista una casa, l’acquirente deve pagare l’imposta di registro in misura proporzionale del 9%; l’imposta ipotecaria fissa di 50 euro l’imposta catastale fissa di 50 euro. Ecco allora che la misura in questione assume un’importanza strategica sotto forma di agevolazione fiscale per i giovani entro i 36 anni.

A chi spetta l’agevolazione?

Come fare per usufruire dell’agevolazione? Queste agevolazioni si applicano agli atti stipulati tra il 26 maggio 2021 e il 31 dicembre 2022; in sostanza c’è ancora tempo fino a fine anno per poterne usufruire. In caso di acquisto soggetto a Iva, è riconosciuto un credito d’imposta di ammontare pari al tributo corrisposto in relazione all’acquisto.

È prevista, inoltre, l’esenzione dall’imposta sostitutiva per i finanziamenti erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo. L’agevolazione in questione spetta a chi:

  1. Acquirenti di prima casa che non abbiano ancora compiuto i 36 anni nell’anno in cui l’atto è stipulato;
  2. Acquirenti di prima casa che abbiano un Isee non superiore ad euro 40.000.

Altri aspetti tecnici da conoscere

Da aggiungere poi, come riporta questo sito di un notaio a Padova, che l’immobile dovrà ovviamente essere ad uso abitativo (prima casa) e non deve rientrare nelle categorie cosiddette di lusso, ovvero non può essere A1, A8 o A9. Quindi a rientrare nella misura sono gli immobili accatastati come A2, A3, A4, A5, A6, A7 ed A11. Inoltre l’immobile dovrà trovarsi nel Comune in cui l’acquirente ha la residenza o dove decida di stabilirla entro 18 mesi.

Da ricordare infine che chi richiede l’agevolazione dell’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale non deve essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra nello stesso Comune; non deve essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale, di un diritto di proprietà, usufrutto abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con agevolazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.